padri

>Tag:padri
­

Affrontare il dolore della malattia: lettera di un figlio al padre

Affrontare il dolore della malattia: lettera di un figlio ad un padre Più che mai ora, mi avvicino a te. E sembra strano che la causa della nostra unione, sia una malattia tremenda. La mia unica recriminazione, non è quella di non averti amato abbastanza, anzi ti ho amato fin dal primo giorno in cui [...]

By |Marzo 20th, 2013|Articoli|3 Comments

Festa del Papà: lettera irrazionale di un padre ad un figlio…

Festa del papà: lettera irrazionale di un padre ad un figlio. Questa lettera è scritta volutamente con un pizzico di cattiveria, togliendo i filtri della razionalità, per far rilfettere e magari perturbare la vostra idea sull' ESSERE PADRI. Caro Antonio, oggi è una giornata speciale, il giorno della festa del Papà. Come tutti i Papà mi [...]

By |Marzo 19th, 2013|Articoli|11 Comments

IL PARTO: QUANDO I PADRI SONO PRESENTI

Scrivo questo articolo con una dedica specifica per una coppia di amici al settimo mese di gravidanza. Due persone speciali che stanno per coronare un grande sogno e  a cui voglio un gran bene. Mi piacerebbe conoscere l'esperienza dei lettori uomini in sala parto e delle mamme che hanno avuto vicino il papà in quel [...]

By |Marzo 14th, 2013|Articoli|8 Comments

La festa del papà… essere genitori

Festa del papà: Auguri ai papà del Blog. Oggi è la vostra festa, la festa del papà o del Babbo come chiamano in alcune regioni i papà. Comincerei con i neo-papà. Vi è successa una cosa incredibile, siete diventati padri. E' la cosa tra le più belle della vostra vita. Vi sembrerà che tutto sia [...]

By |Marzo 19th, 2012|Articoli|1 Comment

Diventare genitore: quando un maschio diventa papà.

Studi recenti (fonte rivista MENTE) rivelano che quando un uomo diventa padre i suoi livelli di testosterone precipitano drasticamente. Ma quali sono gli effetti di questo brusco cambiamento? Ma andiamo per ordine definendo testosterone (da Wikipedia):  è un ormone steroideo del gruppo androgeno prodotto principalmente dalle cellule di Leydig situate nei testicoli e, in minima parte, sintetizzato nella corteccia surrenale. È presente anche nella donna, come prodotto intermedio della sintesi degli estrogeni. Nell’uomo è deputato allo sviluppo degli organi sessuali (differenziazione del testicolo e di tutto l’apparato genitale) e dei caratteri sessuali secondari, come la barba, la distribuzione dei peli, il timbro della voce e la muscolatura. Il testosterone, nell’età puberale, interviene anche sullo sviluppo scheletrico, limitando l’allungamento delle ossa lunghe ed evitando, in questo modo, una crescita spropositata degli arti. Nell’uomo adulto, i livelli di testosterone hanno un ruolo fondamentale per quanto riguarda la fertilità, la vitalità e la buona salute (intesa soprattutto come protezione da malattie metaboliche come ipertensione e diabete mellito); contribuisce a garantire la fertilità, in quanto agisce sulla maturazione degli spermatozoi nei testicoli. Inoltre influenza qualità e quantità dello sperma prodotto, poiché opera sulle vie seminali e sulla prostata, deputate alla produzione di sperma. La produzione giornaliera di testosterone nell’uomo varia dai 5 ai 7 milligrammi ma, superati i 30 anni, tende a diminuire annualmente dell’1%.Il testosterone regola anche il desiderio, l’erezione e la soddisfazione sessuale: ha, infatti, la funzione di “mettere in sincronia” il desiderio sessuale con l’atto sessuale vero e proprio, regolando l’inizio e la fine dell’erezione del pene. Un deficit di libido (desiderio sessuale) è spesso associato a una disfunzione del testosterone. Ciò è stato evidenziato anche per il desiderio sessuale femminile a seguito della sua diminuzione nel periodo post-menopausale. Il testosterone è utilizzato farmacologicamente sia in uomini che in donne, qualora vi siano alterazioni nei suoi livelli. Detto questo, ci tengo a precisare che le ipotesi psicologiche sono spesso non conclusive per cui vanno interpretate appunto come idee, mai come verità assolute. La domanda che si ponevano i ricercatori era: è il fatto di diventare padri a far calare il testosterone di questi uomini o piuttosto era più facile che diventassero padri quegli uomini che fin dall’inizio avevano un livello di testosterone basso? Entrambe le ipotesi spiegavano bene i risultati della ricerca e quindi la questione rimaneva aperta. La ricerca per motivi ovvi non può essere riportata ma vi vorrei segnalare alcune idee e spunti su cui riflettere. Continua a leggere “Diventare genitore: quando un maschio diventa papà.” »

By |Gennaio 16th, 2012|Articoli|4 Comments

La mia cameretta… adolescenti e genitori

Guardate questa camera... cosa vi viene da pensare? Mi scrive Mak un adolescente di 15 anni e mi parla del rapporto con i suoi genitori. Mi ha molto colpito una parte della lettera che ho chiesto a Mak di riportare: .... soprattutto mia madre mi sta sempre addosso per la mia camera, dice che è [...]

By |Novembre 15th, 2011|Articoli|7 Comments